Immagine
 Coesore... di Admin
 
"
Senza fretta, ma senza sosta.

Johann Wolfang von Gothe
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 25/05/2011 @ 10:46:49, in Radio, linkato 4655 volte)

 L'alfabeto fonetico e' stato sviluppato per eliminare le confusioni nelle trasmissioni radiotelefoniche.

Durante una trasmisiione due parole aventi pronincia simile possono essere interpretate come una unica parola.
Facendo lo spelling della parola si puo' distingurla dalle altre. Tuttavia anche il suono di alcune lettere e' molto simile a quello di altre (esempio d,p,b ecc). associando una parola ad ogni lettera si riesce ad eliminare anche questo problema.
L'alfabeto fonetico piu' conosciuto ed utilizzato e' noto come alfabeto NATO ed e' utilizzato con alcune varianti minori da molti corpi governativi militari e non.
Lo stesso alfabeto, che e' quello riportato di seguito con la relativa pronuncia, e' stato anche normalizzato dalla ITU:
 
Alfabeto fonetico ITU
 A complete list of the phonetics WITH THEIR APPROPRIATE PRONOUNCIATIONS (by Ken Jenks):
 (Capital letters indicate which syllable to stress.)
A - Alpha (AL fah) | aiff | wav | snd
B - Bravo (BRAH voh) | aiff | wav | snd
C - Charlie (CHAR lee *or* SHAR lee) | aiff | wav | snd
D - Delta (DELL tah) | aiff | wav | snd
E - Echo (ECK oh) | aiff | wav | snd
F - Foxtrot (FOKS trot) | aiff | wav | snd
G - Golf (GOLF) | aiff | wav | snd
H - Hotel (hoh TELL) | aiff | wav | snd
I - (IN dee ah) | aiff | wav | snd
J - Juliett (JEW lee ETT) (NOTE SPELLING: 2 T's) | aiff | wav | snd
K - Kilo (KEY loh) | aiff | wav | snd
L - Lima (LEE mah) | aiff | wav | snd
M - Mike (MIKE) | aiff | wav | snd
N - November (no VEM ber) | aiff | wav | snd
O - Oscar ( OSS cah) | aiff | wav | snd
P - Papa (pah PAH) (NOTE STRESS IS ON THE 2ND SYLLABLE) | aiff | wav | snd
Q - Quebec (keh BECK) | aiff | wav | snd
R - Romeo (ROW me oh) | aiff | wav | snd
S - Sierra (see AIR rah) | aiff | wav | snd
T - Tango (TANG go) | aiff | wav | snd
U - Uniform (YOU nee form *or* OO nee form) | aiff | wav | snd
V - Victor (VIK tah) | aiff | wav | snd
W - Whiskey (WISS key) | aiff | wav | snd
X - X-ray (ECKS ray) | aiff | wav | snd
Y - Yankee (YANG kee) | aiff | wav | snd |
Z - Zulu (ZOO loo) | aiff | wav | snd | | |
 Le informazioni precedenti sono riportate da The American Radio Relay League Operating Manual (1990 edition), published by the American Radio Relay League, Newington CT USA, 06111.
 
Tuttavia l'alfabeto fonetico usato dai corpi militari americani non e' sempre stato cosi'.

 Di seguito riporto l'evoluzione:  

 1916 SIGNAL BOOK  

A - ABLE
B - BOY
C -CAST
D - DOCK
E -EASY
F - FOX
G -GEORGE
H - HAVE
I - ITEM
J - JIG
K - KING
L - LOVE
M - MIKE
N - NAN
O - OPAL
P - PUP
Q - QUACK
R - RUSH
S - SNAIL
T - TARE
U - UNIT
V - VICE
W - WATCH
X - X-RAY
Y - YOKE
Z - ZED

 
1939 BASIC FIELD MANUAL FM-24-5
SIGNAL COMMUNICATIONS, 1939

A - AFFIRM
B - BAKER
C - CAST
D - DOG
E - EASY
F - FOX
G - GEORGE
H - HYPO
I - INTER
J - JIG
K - KING
L - LOVE
M - MIKE
N - NEGAT
O - OPTION
P - PREP
Q - QUEEN
R - ROGER
S - SAIL
T - TARE
U - UNIT
V- VICTOR
W - WILLIAM
X - X-RAY
Y- YOKE
Z- ZED

 
RADIO NEWS Vol. 31 No. 2
1944

A - ABLE
B - BAKER
C - CHARLIE
D- DOG
E - EASY
F - FOX
G - GEORGE
H - HOW
I - INTER
J - JIG
K - KING
L -LOVE
M - MIKE
N - NAN
O - OBOE
P - PETER
Q - QUEEN
R - ROGER
S - SUGAR
T - TARE
U - UNCLE
V - VICTOR
W - WILLIAM
X - X-RAY
Y - YOKE
Z - ZEBRA

 
1961
TACTICAL COMMUNICATIONS CENTER OPERATIONS

A - ALFA
B - BRAVO
C - CHARLIE
D - DELTA
E - ECHO
F - FOXTROT
G - GOLF
H - HOTEL
I - INDIA
J - JULIET
K - KILO
L - LIMA
M - MIKE
N - NOVEMBER
O - OSCAR
P - PAPA
Q - QUEBEC
R - ROMEO
S - SIERRA
T - TANGO
U - UNIFORM
V - VICTOR
W - WHISKEY
X - X-RAY
Y - YANKEE
Z - ZULU
 

Altri alfabeti fonetici nazionali sono stati elaborati nel corso del tempo da vari corpi militari ed enti.

Una collezione completa e' disponibile nel web al sito www.w2aee.columbia.edu/phonetic.html 

Di seguto riporto un prospetto semplificato:  

 

 

Phonetic Alphabets of the World
LetterNATO & International AviationBritish Forces 1952RAF 1942-43Telecom BBritish A or InternationalNY PoliceFrenchGermanItalianSpanish
A Alfa Abel Apple Alfred Amsterdam Adam Anatole Anton Ancona Antonio
Ä               Ärger    
B Bravo Baker Beer Benjamin Baltimore Boy Berthe Berta Bologna Barcelona
C Charlie Charlie Charlie Charles Casablanca Charlie Célestin Cäsar Como Carmen
Ch               Charlotte   Chocolate
D Delta Dog Dog David Denmark David Désiré Dora Domodossola Dolores
E Echo Easy Edward Edward Edison Edward Eugène Emil Empoli Enrique
É             Émile      
F Foxtrot Fox Freddy Frederick Florida Frank François Friedrich Firenze Francia
G Golf George George George Gallipoli George Gaston Gustav Genova Gerona
H Hotel How Harry Harry Havana Henry Henri Heinrich Hotel Historia
I India Item In Isaac Italia Ida Irma Ida Imola Inés
J Juliet Jig Jug/Johnny Jack Jerusalem John Joseph Julius I lunga José
K Kilo King King King Kilogram King Kléber Kaufmann Kursaal Kilo
L Lima Love Love London Liverpool Lincoln Louis Ludwig Livorno Lorenzo
Ll                   Llobregat
M Mike Mike Mother Mary Madagascar Mary Marcel Martha Milano Madrid
N November Nan Nuts Nellie New York Nora Nicolas Nordpol Napoli Navarra
Ñ                   Ñoño
O Oscar Oboe Orange Oliver Oslo Ocean Oscar Otto Otranto Oviedo
Ö               Ökonom    
P Papa Peter Peter Peter Paris Peter Pierre Paula Padova París
Q Quebec Queen Queen Queen Quebec Queen Quintal Quelle Quarto Querido
R Romeo Roger Roger/Robert Robert Roma Robert Raoul Richard Roma Ramón
S Sierra Sugar Suga Samuel Santiago Sam Suzanne Samuel Savona Sábado
Sch               Schule    
T Tango Tare Tommy Tommy Tripoli Tom Thérèse Theodor Torino Tarragona
U Uniform Uncle Uncle Uncle Uppsala Union Ursule Ulrich Udine Ulises
Ü               Übermut    
V Victor Victor Vic Victor Valencia Victor Victor Viktor Venezia Valencia
W Whisky William William William Washington William William Wilhelm Washington Washington
X X-ray X-Ray X-ray X-ray Xantippe X-ray Xavier Xanthippe Ics Xiquena
Y Yankee Yoke Yoke/Yorker Yellow Yokohama Young Yvonne Ypsilon York Yegua
Z Zulu Zebra Zebra Zebra Zürich Zebra Zoé Zeppelin Zara Zaragoza

Spero di essere stato utile. 73 de IW0DVV 

 

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (33)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 17/05/2011 @ 15:18:37, in Audio, linkato 10882 volte)

Amplifying the sound to be heard better

Questo signore e' un ingegnere indiano di nome Adya Tripathi che per un certo numero di anni ha gestito una societa' di sua creazione per la produzione e la commercializzazione di chip audio progettati e realizzati secondo una tecnologia proprietaria denominata "1-bit Delta Sigma Digital Audio Amplifier technology". La societa' chiamata, con poca fantasia, Tripath ha prodotto circuiti integrati per amplificatori audio in una classe di funzionamento battezzata "classe T". La classe T e' in pratica una rivisitazione in chiave migliorativa della classe D, differendo da quest'ultima per una maggiore frequenza della portante modulata PWM ( si arriva a 1,4 MHz) e per l'adozione di tecnologie DSP proprietarie derivate dal trattamento audio nelle comunicazioni transoceaniche.

Sono definiti in classe D gli amplificatori che utilizzano uno stadio di uscita che opera in commutazione. Questi sono utilizzati come commutatori in grado di produrre una tensione modulata a larghezza d'impulso (pulse wigth modulation PWM) ad alta frequenza. La componente a bassa frequenza, coincidente con il segnale audio amplificato, viene ricostruita da filtri passa basso prima di essere inviata ai trasduttori elettroacustici (leggi altoparlanti).

Lavorando in commutazione, cioe' in regime di interdizione/saturazione, i dispositivi di amplificazione (transistor, mosfet di potenza o quant'altro) non dissipano in calore che una minima parte della potenza trattata, evidenziando rendimenti prossimi al 100%.

Si ricorda che le altre classi di amplificazione tradizionali (A, B e AB) lavorano con segnali analogici in regime di amplificazione e dissipano la potenza trattata in buona parte sotto forma di calore.

Il problema piu' grande dei classe D, era la fedelta' non all'altezza di un impianto HI-FI.

Poi sono stati creati i T-AMP.....

Lo schema qui sotto illustra il funzionamento semplifacato di un T-AMP

Questo e' invece lo schema elettrico di un amplificatore T-AMP:

Come si puo' vedere il chip (in questo caso il TA2024B) si occupa sia del signal processing che della modulazione ed anche dell'amplificazione finale effettuata con MOSFET entrocontenuti. In pratica gli unici componenti esterni sono quelli che formano i filtri ricostruttori. Il TA2024 eroga una potenza di circa 10W per canale alimentato a 12 V. Altre implementazioni della classe T prevedono 2 chip: uno per il trattamento e la modulazione del segnale ed uno per l'amplificazione. Le potenze attualmente disponibili superano i 400 W.

La prima implementazione commerciale e' stata ad opera della Sonic Impact che ha messo in commercio un amplificatore portatile in contenitore plastico, alimentabile a batterie, dal costo (udite, udite....) di ben 29 $.

Beh, che dire, l'aggeggino sembrava un giocattolo e nessuno gli avrebbe dato credito, ma capito' nelle mani di alcuni recensori di apparecchi HI-FI tra cui, per rimanere in Italia, un  certo Lucio Cadeddu.

Leggiamo cosa scrisse Cadeddu a proposito del T-AMP:

"Per una volta vi chiedo scusa prima di iniziare. Questa prova è qualcosa di MOLTO particolare, la prova di un oggetto che scardina TOTALMENTE il concetto di rapporto qualità/prezzo in HiFi.  ..omissis..Stiamo parlando, cari audiofili, di un giocattolino da 39 dollari di listino (ma si trova per poco più di 20!!!), con circa 10 watt per canale, che sta nel palmo di una mano, funziona anche a batterie (!!!), nato per applicazioni multimedia e che strapazza tanti amplificatori che costano N volte il suo prezzo. ...omissis...Per ora, credo che le mie sensazioni di stupore siano state comunicate in maniera abbastanza chiara. Per essere più chiaro: non vi sto dicendo "questo è il NAD 3020 del 21esimo secolo". No, questo è MOLTO di più, è un oggetto che, se accoppiato con diffusori abbastanza sensibili, può non far rimpiangere amplificazioni (anche pre e finali) di costo molto, molto alto. Mi rendo conto che mi sto giocando una parte della mia (misera) reputazione di critico audio ma raramente sono stato così sicuro di una cosa. Questa piccola meraviglia è una vera rivoluzione epocale. " La recensione completa potere leggerla qui.

Adya Tripathi  ha chiuso i battenti della sua ditta qualche tempo fa. Adesso si occupa di ricerche sui motori.

Amplificatori basati sui suoi chip si trovano ancora in giro per il web, acquistabili sotto forma di schede da modificare ed inscatolare o sotto forma di prodotti finiti. La rivista Elektor vende anche un kit di una certa potenza.

Personalmente il mio impianto stereo e' composto da un Sonic Impact originale (nella versione 2 esteticamente abbellita...), da una scheda di produzione SURE electronics da 50 + 50 W modificata ed inscatolata (35-40 euro su ebay comprese le spese di spedizione) e di un gain-clone autocostruito( ma questa e' un'altra storia). Le sorgenti di ingresso  e la coppia di casse acustiche sono commutate  a seconda delle esigenze di potenza necesaria.

L'ascolto dei T-AMP, da 10 e da 50 W, rivela delle caratteristiche molto simili: analiticita', soundstage e precisione sonora sono paragonabili. Forse il 10 W e' piu' godibile. Il gain-clone e' diverso, bello ma diverso.

Quello che e' sicuro e' che ho messo in soffitta il vecchio Sansui  (...l'arte dei capolavori...) ed il MOSFET da 100 + 100 W autocostruito. Questi nuovi amplificatori li hanno surclassati alla grande... dovreste per forza sentirli.

Cordiali 73 de IW0DVV

 


 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (9)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 16/05/2011 @ 17:57:58, in Modi digitali, linkato 7150 volte)

In questo articolo vi presento una realizzazione di interfaccia per modi digitali che fa uso di una economica e pratica soluzione per il collegamento audio al computer.

In particolare si fa uso di una schedina audio USB acquistabile per pochi euro (da 3 a 5 a seconda dell'onesta' del venditore) sulle numerose bancarelle cinesi.

La schedina fa uso del chip Cmedia CM106, non il massimo della qualita' audio ma adeguato alle prestazioni richieste. In particolare il dispositivo riesce a campionare a 96 kb al secondo, e' dotato di un ingresso microfonico stereo e di una uscita altoparlanti stereo.Essendo piccolissimo si presta ottimamante ad essere installato a bordo di una classica interfaccia dotata di trsformatori di isolamento e fotoaccoppiatori per PTT  (eventualmente FSK e CW).

Ed ecco qua la schedina montata:

Come si puo' notare la schedina e' stata fissata a bordo della millefori che supporta i due trasformatori di isolamento con relative regolazioni ed i fotoaccoppiatori per PTT FSK e CW. Lo schema e' facilmente rintracciabile su internet (anche se a dire il vero ho dovuto invertire i LED ed aggiungere qualche condensatore di bypass).

Di seguito il particolare del collegamento della scheda USB:

 

 Come si puo' notare la scheda presenta anche un'altra particolarita' : il connettore  a 8 poli di tipo RJ45 che riporta tutti i segnali necessari per l'interfacciamento all'ICOM 706 (audio in, audio out, PTT). In questo modo il collegamento all'RTX risulta semplicissimo (nella foto un cavetto piatto di rete sempre di provenienza bancarella cinese con un capo infilato in un'anello di ferrite) cosi' come risulta molto semplice anche il collegamento al computer (una prolunga USB per l'audio ed un cavo seriale per il PTT- omettibile se usate il VOX)

Se la cosa interessa metto in rete lo schema completo ed eventualmente faccio lo stampato.

Ciao a tutti 73 de IW0DVV

Articolo (p)Link Commenti Commenti (7)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 16/05/2011 @ 15:31:17, in Modi digitali, linkato 2496 volte)

Come riconoscere ad orecchio le trasmissioni digitali?

Ecco di seguito come suonano i vari modi:

bpsk31

bpsk63

cw 20 parole al minuto

feldhell

mfsk16

olivia

rtty

E per finire ...

guazzabuglio di suoni digitali

Buon ascolto!

 

registrazioni tratte dalla presentazione di Clint Hurd - kk7uq all' Amateur Radio Digital Workshop il 21 ottobre 2006 in Canada

73 de iw0dvv

Articolo (p)Link Commenti Commenti (77)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 10/05/2011 @ 11:20:01, in Perche' questo sito, linkato 2371 volte)

Mio nonno coltivava il grano. E lo coltivava a mano. Mi ricordo quando, da piccolo, lo vedevo con il suo cappello di paglia, la sua camicia bianca ed il suo sacco a tracolla pieno di sementi che camminava sul campo arato.Immergeva la mano nel sacco, prendeva una manciata di grano e lo spargeva con un ampio movimento circolare. Al termine della sua giornata, dura, di lavoro mio nonno aveva il suo grande passatempo. Mio nonno aveva una radio, una radio in onde medie. Non aveva a casa la corrente elettrica e le notti erano illuminate da una calzetta a gas appesa al soffitto e, alla luce della lampada a gas, manovrava la manopola di sintonia per ascoltare le voci che venivano da lontano. Era una radio moderna quella di mio nonno, non come quelle grosse radio a valvole, ma una modernissima radio a transistor, grande non piu' di una scatola di scarpe. E funzionava a "batterie". Io ero affascinato da quella scatola ed accompagnavo mio nonno in bicicletta al paese per comprare i torcioni per la radio, rigorosamente allo zinco carbone e rigorosamente Superpila. Poi aprivo a martellate le pile esaurite e ne estraevo il carboncino.... Ed ascoltavo le voci che uscivano da quella scatola.

E' stata tutta colpa di mio nonno se nel mio cuore ho sentito la voglia di carpire i codici di quella magia e di diventare io il mago. E allora da grande ho frequentato la scuola di magia, fino a quando armato di bacchetta magica, una stecca di ferrite con della fatata seta metallica avvolta intorno, ho pronunciato il mio primo abracadabra. E' passato tanto tempo dai miei primi condensatori variabili e dalle mie prime cuffie ( da 2000 ohm!) , dai primi circuiti stampati fatti con il pennarello blu, ma ancora adesso quando accendo la mia radio ho l'impressione che qualcosa di imponderabilmente unico succeda tra me ed il mondo....

Benvenuti a tutti voi, amanti della radio, 73 da IW0DVV.

 La mia QSL

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono 423 persone collegate

< dicembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Cerca per parola chiave
 


Titolo
Antenne (2)
Marconi (13)
Old Radio (5)
QSL (2)
Varie (3)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.

Titolo

Chiamaci con Skype

UTC Time

Meteo

ARRL news

 

 

Propagazione

PropagationStats

Radio blackouts are graded on a scale of R1 to R5 as follows: Radio Blackouts Descriptor R5 Extreme R4 Severe R3 Strong R2 Moderate R1 Minor Solar flux is a measurement of the intensity of solar radio emissions with a wavelength of 10.7 cm (a frequency of about 2800 MHz). The value broadcast is in solar flux units that range from a theoretical minimum of about 50 to numbers larger than 300. The A and K indices are a measurement of the behavior of the magnetic field in and around the earth. The K index uses a scale from 0 to 9 to measure the change in the horizontal component of the geomagnetic field.

 Add PropagationStats to your ham radio site.

 

Cose da ascoltare

Famoso discorso di Marconi
Discorso in Italiano
Discorso in inglese

 

Trasmissione morse operata da Marconi

Cose da leggere


Da qui potete scaricare il libro di Bryce K. Anderson, K7UA -  The new DXre's Handbook

Da qui potete scaricare il manuale operativo de I4CQO,che illustra le procedure di trasmissione per il Servizio dei Radioamatori, tratto dai manuali internazionali della ITU e IARU e condensato in appena 84 pagine. - Manuale procedure di trasmissione de I4CQO


Cose da guardare

Voci senza confini- Documentario Opus Film 1962 di Giulio briani  Prezioso documentario storico del 1962 su cosa sono i radiamatori, direttamente dall'archivio dell'Istituto Luce

Divertentissima animazione di Paperino alle prese con una ricetta culinaria trasmessa per radio



Il Discorso del Re  film del 2010 diretto da Tom Hooper. Interpretato da Colin Firth, Geoffrey Rush, Helena Bonham Carter e Guy Pearce, il film ruota attorno ai problemi di balbuzie di Re Giorgio VI e al rapporto con il logopedista che lo ha in cura. Re Giorgio si trova ad affrontare a viso aperto la sua difficoltà perché questa gli si presenta davanti senza offrirgli nessuna via di fuga: deve fare il Re e deve parlare alla radio. L’arrivo della radio ha infatti rivoluzionato il mondo, e la Corona inglese non può non stare al passo con i tempi, dialogando direttamente con i propri sudditi… Re Giorgio ha bisogno di una voce e allora ecco che avviene il cambiamento.
Clip con radio
Trailer ufficiale
Videorecensione

 

 



Titolo

Associazione Radioamatori Italiani

Siti di interesse

Radioelettronica

Manuali e mods

Non solo radio

 

contadores de visitas ukraine brides
contatori per blog Computer, programmi top rating



13/12/2017 @ 00:51:45
script eseguito in 49 ms